Home Back

1971

AQUATONDA

apparecchi idrosanitari AQUATONDA

Nel progetto, Castiglioni sperimenta la vitreous china, una porcellana vetrificata, la cui brillantezza rimane pressochè inalterata nel tempo. Una pasta molle, duttilissima, che può essere colata in forme di qualsiasi tipo, assumendo, cotta a temperature di 1300 gradi, notevole resistenza. Acquatonda è il nome della serie, i cui tre pezzi base sono stati messi a punto, nei volumi compatti e senza rilievi, come oggetti plastici, a partire da una prima idea di grande evidenza delle curvature. Nel lavabo la forma del bacile è approfondita nel punto di raccolta dell’acqua e allargata verso l’utilizzatore per raccogliere il gocciolio dai gomiti; il bordo anteriore è sagomato per contenere gli spruzzi; le apparecchiature di erogazione e scarico, contenuti in spazi minimi, vengono occultate dalle linee d’inviluppo. Gli altri due pezzi sono formalmente analoghi. Il water ha corpo unico – quasi un elemento monolitico – fra vaso e cassetta, la cui forma è determinata dalla posizione del sifone.